Notiziario Stampa

 

15 ottobre 2015

Virus Trojan e truffe telefoniche

Il video denominato "La danza del Papa" è un virus informatico e NON deve essere aperto perché é in grado di cancellare i dati sul terminale (PC, tablet, smartphone).

Contattate il call center del vostro gestore e chiedete di disattivare i messaggi sms che quando ricevuti implicano pagamenti automatici. Tutti i gestori utilizzano sms per "abbonarvi" a servizi a pagamento che ovviamente voi non avete richiesto. Se vi sono state addebitate già piccole somme, in genere si tratta di qualche € ma che vengono poi prelevate in automatico dal vostro credito ogni mese e a volte ogni settimana, richiedete la restituzione di quanto indebitamente prelevato con il riaccredito sulla scheda telefonica e verificate che venga eseguito entro 24 ore.

Evitate di rispondere a numeri sconosciuti, in particolare con prefissi strani e internazionali (cioè tutti quelli che non iniziano per +39 (prefisso Italia) perché molto spesso sono truffe che con un semplice meccanismo scaricano tutto il vostro credito residuo qualche minnuto dopo la risposta alla chiamata fasulla. Il meccanismo è così semplice che il truffatore può inviare chiamate in automatico e senza neppure dialogare con voi.

Se vi trovate malauguratamente in uno di questi casi contattate immediatamente il vostro gestore telefonico per tentare il recupero (molto difficile purtroppo) e la Polizia Postale competente per i reati informatici che segnalerà la cosa e vi chiederà di sporgere denuncia. E' importante denunciare l'accaduto indicando il numero che via ha contattato per la truffa in modo da coadiuvare le forze dell'ordine.

 

14 ottobre 2015

Sopravvivenza metropolitana

La Polizia ci informa che malintenzionati e maniaci stanno mettendo in atto pericolose trappole per persone sole e in modo particolare donne da cui guardarsi con estrema attenzione. Chiunque dovesse trovarsi in una delle situazioni descritte NON deve assolutamente fermarsi ma allontanarsi velocemente allertando il sistema di emergenza 112 o direttamente Polizia o Carabinieri indicando con precisione il luogo dell'"agguato".

Situazione 1: bambino apparentemente solo che piange, asserisce di essersi perso e chiede di essere accompagnato in altro luogo.

Situazione 2: auto ferma con sportello aperto e neonato (spesso falso) abbandonato avvolto in una coperta.

Situazione 3: lancio di colloidi sul parabrezza (spesso comuni uova) che azionando il tergicristallo rendono il parabrezza quasi completamente opaco obbligando il conducente a fermarsi per ripulirlo.

Tutte queste tecniche vengono messe in atto in luoghi isolati e tendono ad adescare persone sole, in modo particolare donne. Frequentemente si tratta di luoghi vicini a zone di vegetazione fitta, piccole macchie di vegetazione o zone abbandonate con erba alta.

Gli scopi sono la rapina e la violenza con donne sole come obiettivo privilegiato.

Se ci si trova in una situazione anche solo simile a quelle descritte è imperativo NON fermarsi e contattare immediatamente il 112 o il 113. A volte vengono scelte zone isolate in ombra rispetto alla rete cellulare proprio per impedire alle potenziali vittime di chiamare aiuto.

 

 

10 ottobre 2015

Avviso della Coop ai Consumatori

Per i consumatori di Lazio, Toscana, Umbria e Campania .......

SH388

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La nota catena di supermarket Coop ha scoperto che alcune confezioni del prodotto in questione potrebbero contenere un batterio potenzialmente letale il Listeria Monocytogenes e con una accorta e tempestiva opera di informazione e prevenzione ha ritirato precauzionalmente le confezioni sospette e avvertito i Consumatori.

Tutte le confezioni sono state ritirate dai punti vendita Coop di Toscana, Lazio, Campania e Umbria del "Girellone" farcito con le olive del Forteto. Si tratta del lotto n. 40115 con scadenza 14 ottobre 2015 e ha pubblicato sul proprio sito un avvertimento destinato a chiunque abbia acquistato confezioni del prodotto (http://www.e-coop.it/web/guest/richiamo-prodotti/-/articlelistr/r_byartid/39726253).

I clienti non devono consumare il prodotto ma riportare le confezioni per il rimborso e la loro eliminazione.

Il batterio Listeria Monocytogenes provoca una malattia trasmissibile per via alimentare estremamente pericolosa. Si tratta di una tossinfezione cioè il microorganismo se ingerito si moltiplica nell'organismo umano e produce in esso delle scorie tossiche che aggrediscono i tessuti intestinali e si diffondono nel corpo attraverso il sangue generando ulteriori infezioni acute comprese forme gravi di encefaliti e meningiti che attaccano il sistema nervoso.

Tutti coloro che hanno deficit immunitari sono naturalmente ancora più a rischio come soggetti in tenera età, persone anziane e mamme in dolce attesa. Ma il batterio in questione e la sua tossinfezione risultano particolarmente aggressivi per tutte le persone che si trovano anche temporaneamente con il sistema immunitario aggredito e quindi potenzialmente con le difese abbassate o già impegnate a combattere altre forme di infezioni. Devono essere considerati a rischio malati di HIV, di forme cancerogene, soggetti con forme influenzali o altre infezioni importanti in atto o appena convalescenti.

Cosa fare se avete acquistato il prodotto ...

Premesso che sitratta di una operazione di prevenzione attuata dalla Coop e per la quale alla Coop va riconosciuto il giusto merito ecco cosa è bene fare se abbiamo acquistato il prodotto.

Contattate immediatamente il medico di famiglia per le opportune indicazioni monitorando attentamente ogni componente del gruppo familiare intervenendo prontamente se mostrano sintomi di qualsiasi tipo riconducibili ad infezioni batteriche come stati febbrili, problemi gastro intestinali, cefalee, ecc.

Riportare il prodotto sospetto per ottenere il rimborso dopo aver fotografato la confezione e la sua etichetta per mantenerne una documentazione in caso di problemi idonea a richiedere danni e rimborsi adeguati al produttore se necessario, mantenendo tutta la documentazione possibile anche del rimborso da richiedere con un testimone al seguito.

I batteri Listeria Monocytogenes, come tutti i patogeni proliferano rapidamente a temperatura ambiente raddoppiando il proprio numero in soli 20 minuti: un solo batterio può in poche ore generarne addirittura miliardi. Questo processo di rapidissima proliferazione viene arrestato a temperature inferiori ai 4°C la temperatura alla quale deve essere mantenuto ogni frigorifero anche domestico.

La catena del freddo non deve essere interrotta se non entro limiti molto ristretti. Se il prodotto è conservato negli scaffali refrigerati è necessario trasportarlo a casa e metterlo in frigo curando che la sua temperatura non aumenti oltre i 7 °C e per non più di 30 o 40 minuti. Un efficace trasporto può essere effettuato con borse termiche tenute ben chiuse e con mattonelle refrigerate evitando fermate dopo aver acquistato derrate alimentari deperibili e conservate a bassa temperatura.

Ma il freddo si limita ad evitare la proliferazione batterica e non è in nessun caso in grado di distruggerli indipendentemente dalla temperatura raggiunta o dal tempo di conservazione. Solo le alte temperature superiori a 60 o 70 °C e mantenute per periodi di tempo adeguati possono distruggere i germi patogeni.

Una buona abitudine è non fidarsi ciecamente dei cibi pronti (precotti) che per sicurezza andrebbero sempre sterilizzati portandoli ad alte temperature prima dell'utilizzo. Un riscaldamento per pochi minuti a 100° può distruggere i germi eventualmente presenti. Ma la temperatura elevata deve raggiungere il nucleo interno del cibo e questo nel caso di alimenti compatti e di massa notevole può richiedere tempo e degradare le caratteristiche organolettiche del prodotto già cotto. In questi casi si può utilizzare efficacemente una sterilizzazione rapida con il microonde a condizione che il prodotto sia porzionato e diviso in quantità di pochi etti per ciascuna delle quali sono sufficienti uno o due minuti ad alta potenza che hanno l'effetto di scaldare gli alimenti senza cuocerli ulteriormente. Anche utilizzando metodi di riscaldamento tradizionali è più efficace porzionare gli alimenti. Tagliare un arrosto precotto in fette sottili prima di riscaldarlo ne garantisce una sterilizzazione rapida e completa e non ne degrada le caratteristiche.

Infine è indispensabile evitare contaminazioni incrociate: se avete acquistato una confezione a rischio come quella della Coop è necessario considerare anche l'esterno della confezione potenzialmente contaminato e valutare potenzialmente pericoloso ogni contatto con il prodotto o la sua confezione e ogni contatto successivo con altri alimenti.

I germi patogeni generalmente si trasferiscono per contatto diretto o indiretto (manipolazioni successive) ma non per via aerea quindi se avete acquistato il prodotto a rischio e lo avete conservato in frigorifero dovrete valutare attentamente la possibilità di sterilizzare il frigorifero e considerarne il contenuto a rischio con particolare attenzione agli alimenti conservati vicino al prodotto stesso che potrebbero essere venuti in contatto fra loro.

La tutela dei Consumatori EU ...

L'Unione Europea considera prioritaria la salute e la difesa dei Cittadini e il Regolamento UE n° 16/01 ha istituito un sistema di allerta immediato per i Cittadini in caso di rischi gravi in ambito alimentare.

L'Unione Europea ha creato un sito che riporta ogni settimana le notifiche e gli avvisi per i prodotti considerati a rischio che può essere consultato facilmente online.

La pagina riporta i simboli delle bandiere degli Stati membri della UE quindi un click sul tricolore italiano consente di visualizzare gli avvisi della settimana che riguardano il mercato alimentare in Italia. A titolo di esempio riportiamo le notifiche di questa settimana:

SH389

Wafer al cioccolato dall'Olanda che contengono Salmonella, tossine nell'uva sultanina Turca importata dalla Germania, noccioline americane non dichiarate presenti nella crema di nocciole e mandorle spagnola, Listeria monocytogenes nel formaggio francese, rischio di ferite alla bocca per il consumo di birra cecoslovacca e fenilalanina nella birra tedesca sono quindi gli avvisi destinati ai Consumatori di questa settimana che dovrebbero essere immediatamente recepiti da importatori, distributori ed esercenti.

Nel 2014 sono stati diramati complessivamente per tutti i 32 Stati affiliati 3.097 avvisi e l'Italia è particolarmente attenta ai controlli alimentari diramando in media 500 avvisi annuali.

SH390

Senza rischiare di divenire paranoici uno sguardo settimanale agli avvisi del RASFF acronimo di Rapid Alert System for Food and Feed cioè Sistema rapido di allerta per alimenti e mangimi organismo creato dall'EFSA acronimo di European Food Safety Authority cioè Autorità per la sicurezza alimentare Europea, può divenire una corretta abitudine anche se i prodotti segnalati vengono prontamente ritirati dal mercato qualcosa potrebbe sfuggire ai controlli e la sicureza dei propri cari vale certamente una manciata di secondi spesi online settimanalmente.

Il caso segnalato dalla Coop non viene riportato dal bollettino RASFF perché si tratta di una segnalazione spontanea e cautelativa della Coop stessa che va ampiamente lodata perché ha operato nell'interesse dei propri clienti.

Vediamo di comprendere perché. Il Regolamento UE 2073/05 all. 1 prescrive che siano effettuati controlli campione sugli alimenti pronti potenzialmente favorevoli alla crescita di Listeria monocytogenes secondo procedure codificate che richiedono più giorni. Sempre secondo le norme i prodotti deperibili devono essere immessi nel mercato al dettaglio entro un terzo della loro vita "operativa" quindi un prodotto con scadenza di 15 giorni deve essere immesso sul mercato entro i primi 5 giorni insufficienti per accertare la presenza di Listeria e soprattutto di quale tipo perché se il ceppo monocytogenes è pericoloso esiste anche il ceppo innocua e ivanovii che non lo sono. La Coop ha correttamente immesso sul mercato il prodotto in questione sulla base della dichiarazione di commestibilità e sicurezza igienico-sanitaria del produttore (l'azienda Il Forteto) e scrupolosamente ha fatto eseguire i controlli necessari.

Durante tali controlli e prima che fossero completati al 100% sono emersi sospetti di possibili contaminazioni quindi a scopo precauzionale, quando i test di laboratorio specifici non erano ancora terminati ha diramato l'allerta ritirando il prodotto e avvertendo i clienti del possibile pericolo prima ancora dell'eventuale intervento della RASFF che avviene solo dopo la certezza della contaminazione.

La Coop ha agito benissimo tutelando i consumatori e prevenendo possibili contaminazioni anche rischiando un danno d'immagine presso quanti non sono a conoscenza delle procedure di controllo, dei regolamenti UE e dei complessi meccanismi di autocontrollo alimentare.

Qualcosa comunque ha fatto scattare l'allarme e sarà cura del produttore e degli organismi di controllo verificare esattamente cosa sia successo.

Un plauso quindi alla Coop e all'efficienza che ha dimostrato nell'occasione utile per fornire uno sguardo alle corrette procedure di igiene alimentare.

Prof. Mauro Contili

(docente di igiene alimentare)


10 ottobre 2015

Acquisti e vendite per la Croce Rossa Italiana

In Umbria sarà costruito un nuovo centro polifunzionale della Croce Rossa. I lavori sono al via per un edificio di 8.000 mq del costo di quasi 2 milioni di € che verrà realizzato a Foligno all'interno di quello già esistente della Protezione Civile per assicurare un migliore e più efficace coordinamento del Sistema di Emergenza Globale.

La bella notizia non è solo la nuova struttura C.R.I. ma anche il costo dell'operazione. Infatti dividendo 1.800.000 € per 8.000 mq si ottiene un costo di 225 € al mq cioè un importo sostanzialmente di mercato e basso per una Pubblica Amministrazione che ad ogni livello Statale, Regionale e Comunale ci ha purtroppo abituato in questi anni a costi inspiegabilmente elevati. Un plauso quindi agli amministratori che stanno per realizzare un opera socialmente importante a costi ragionevoli.

Dismissioni di immobili della Croce Rossa Italiana insieme a quelli Inail e Ice tra il 27 novembre e il 12 dicembre 2015 per un totale di 126 immobili in 32 città italiane per un valore complessivo di più di 30 milioni di euro valutati quali prezzo base d'asta quindi per un valore di molto superiore trattandosi di dismissioni in asta pubblica. Tutte le informazioni relative ai bandi sono disponibili sul sito www.notariato.it nella sezione Rete Aste Notarili (RAN). Peccato che la dismissione avviene in un momento nel quale il mercato immobiliare è realmente "immobile" per la crisi generale il che probabilmente condurrà ad aste inizialmente deserte per usufruire di quelle successive che normalmente prevedono ribassi progressivi importanti dell'ordine del 30%.

Le dismissioni pubblicate per bando sono conseguenza della trasformazione della C.R.I. in Ente privato e conseguenza della crisi e della riduzione delle spese per le altre agenzie interessate.


5 ottobre 2015

Apre oggi a Napoli un'altra mostra

della Croce Rossa nella Prima Guerra Mondiale

Il tema è "Il Corpo Militare della CRI nella Grande Guerra"

il sito il Palazzo Vicereale Toledo di Pozzuoli

l'occasione la presentazione del XVII convegno nazionale degli Ufficiali medici e del personale sanitario della Croce Rossa Italiana

i contenuti comprendono oltre a materiale d'archivio documenti e foto anche la riproduzione di un posto di medicazione avanzato della C.R.I. che offre un immagine tridimensionale reale delle difficoltà che dovevano essere superate dal personale C.R.I. per occuparsi dei feriti al fronte

SH387


1 ottobre 2015

Il passaggio della C.R.I. da Ente pubblico a privato

offre vantaggi inaspettati

A Loano (Lombardia) infatti ha consentito di scoprire e in futuro di recuperare circa 64.000 €. Il Comitato locale, proprio durante la transizione ha potuto scoprire che il proprio tesoriere "fiduciario" Fabrizio Negro in Croce Rossa da oltre 20 anni distraeva fondi per uso personale. Le indagini degli inquirenti hanno accertato appropriazioni indebite per 40.000 € dal conto del Comitato, 20.000 € da contributi incassati ma mai versati al Comitato e 4.000 € di carburante prelevato per usi personali. Ora l'azione della Magistratura consentirà al Comitato di Loano di recuperare i fondi che potranno essere utilizzati per gli  scopi sociali istituzionali.

Anche nelle migliori istituzioni possono a volte annidarsi mele marce ma la grandezza della Croce Rossa Italiana è proprio qui: questi episodi sono rarissimi e per questo fanno notizia e vengono sempre scoperti e anche questo è segno della grandezza della Croce Rossa Italiana!

La cosa importante non è la notizia della frode ma quella della scoperta della stessa e dell'individuazione del responsabile.

Un plauso quindi al Comitato di Loano per aver scoperto il marcio e averlo estirpato.


18 luglio 2015

La Croce Rossa Italiana interviene con la Regione Lazio

che ha un debito di 7 milioni di € per i servizi di emergenza ARES 118

ARES 118 ha un debito di oltre 7 milioni di euro nei confronti del comitato provinciale della Croce Rossa di Roma.

La denuncia è del presidente provinciale CRI Flavio Ronzi:

"Il mancato pagamento delle rimesse mensili sta creando una situazione allarmante. In primo luogo, sta impedendo di pagare gli stipendi ai dipendenti, a cui l'ultima mensilità è stata corrisposta lo scorso aprile. Poi, mette a rischio anche la normale attività di approvvigionamento di farmaci e carburante, oltreché di tutti quei materiali e servizi necessari a rendere operativi i mezzi di soccorso".

Il presidente provinciale CRI Flavio Ronzi ha invitato il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, a risolvere con urgenza il problema:

"Qui è a rischio l'economia di intere famiglie di lavoratori e, se le ambulanze dovessero fermarsi, lo sarà anche quella dei romani. Siamo di fronte ad una situazione ormai strutturale di ritardi nei pagamenti da parte di Ares 118 nei nostri confronti. Nonostante questo, fino ad oggi, abbiamo garantito il servizio di emergenza. Adesso, però, a molti dipendenti è impossibile sostenere le spese persino per raggiungere la sede di lavoro. Per parte nostra, abbiamo scongiurato l’interruzione di un pubblico servizio come è il 118, e vorremmo poter continuare a garantirlo. Non vorremmo, invece, che a Roma si stia creando una situazione tale per cui le ambulanze di Croce Rossa Italiana debbano restare parcheggiate senza benzina, con i lavoratori e le loro famiglie sul lastrico, magari per favorire al loro posto imprese private".

La risposta della Regione:

"Non c'è alcun rischio per i servizi di emergenza assicurati all’Ares da parte del Comitato provinciale della Croce Rossa. La rimessa per saldare i crediti è già stata determinata e i fondi arriveranno nei prossimi giorni. Questo problema non si sarebbe verificato se la Cri provinciale avesse aderito, a suo tempo, all’accordo sui pagamenti in vigore nella Regione Lazio. Utilizzato ormai dalla stragrande maggioranza dei fornitori, l'accordo liquida le fatture entro 60 giorni dall’emissione. L'adesione all'accordo ora è diventata più stringente per tutti i fornitori del sistema sanitario regionale e dunque siamo fiduciosi nell'adesione della Cri provinciale, così da evitare che in futuro si ripetano criticità di questo genere".

Questa la replica della Cri Roma:

"Siamo contenti che la Regione Lazio dica che stanno arrivando i fondi che aspettiamo da tempo e su cui si è determinata una situazione di grave crisi per i lavoratori e di possibile rischio per il servizio di emergenza, che stiamo garantendo con grande professionalità e uno sforzo notevole, ma il problema sui pagamenti a cui fa riferimento la Regione non è determinato da Croce Rossa di Roma ma da un divieto esplicito della Convenzione in essere con Ares. E' bene che su questo punto ci sia la massima chiarezza. In questo senso abbiamo già chiesto da mesi ad Ares di modificare l'articolo della Convenzione in modo da poter accedere all’accordo pagamenti per il 118 e il CEM. Siamo disponibili ma è bene che la Regione ci metta nella condizione di non soffrire ritardi che ormai sono strutturali e che hanno creato notevoli problemi ai lavoratori".

Carissimo presidente Zingaretti,

ai cittadini di Roma e provincia e ai dipendenti CRI delle ambulanze interessano molto poco i problemi burocratici, ai Cittadini interessa un servizio di emergenza efficace, quindi risolva la questione in fretta come richiesto dalla CRI e dal buon senso nell'interesse prioritario dei Cittadini.


 

25 giugno 2015

La Croce Rossa Italiana e la Croce Rossa Americana ad HAITI

 

L'IMPEGNO STRAORDINARIO DELLA CROCE ROSSA ITALIANA AD HAITI:

Dopo il terribile terremoto del 2010 ad Haiti, grazie alle donazioni dei Cittadini in Italia, la Croce Rossa Italiana senza proclami e clamori è riuscita a realizzare un importante progetto di cooperazione internazionale con la costruzione, attraverso maestranze locali, del ‘Village Haitien Solferino’, un insediamento urbano di 53 case per altrettante famiglie rimaste senza tetto.

La Croce Rossa Italiana, in collaborazione con la Croce Rossa Haiti, ha creato e sostrenuto attività economiche per la popolazione, tra le quali un panificio e un pastificio a Croix de Bouquet, con corsi di formazione per i lavoratori locali.

Il villaggio è stato realizzato secondo i più avanzati criteri dell'ingegneria antisismica italiana, da sempre considerata all'avanguardia nel mondo. Un progetto completato nel migliore dei modi che ha, non solo fornito alloggi, servizi e potabilizzazione dell’acqua ma anche interventi sociali e sanitari con il trasferimento da Haiti a Roma di interi nuclei familiari, accolti, assistiti e infine reinseriti ad Haiti.

L'INCAPACITÀ DELLA AMERICAN RED CROSS SECONDO UN INCHIESTA:

Dopo il terremoto la Croce Rossa Americana (ARC American Red Cross) aveva dichiarato di voler dare una nuova casa a 130mila persone, garantire loro assistenza sanitaria, condizioni igieniche accettabili, cibo e acqua potabile,  ricevendo donazioni per 500 milioni di dollari, le più alte tra tutte le organizzazioni impegnate nell’ex colonia francese dei Caraibi.

La montagna ha però partorito il topolino: qualche strada costruita o riparata o illuminata, un ospedale e solo sei nuove abitazioni permanenti. Un vero e proprio “spreco di denaro” dovuto a “mancanza di preparazione” perché “I funzionari non sapevano come spendere tutti quei fondi – ha raccontato il responsabile del programma per la Croce Rossa Americana ad Haiti nel 2010, Lee Malany – La loro decisione si basava non sul programma che sarebbe stato più utile alla popolazione, ma su quello che avrebbe fatto più pubblicità all’organizzazione. Una cosa deprimente”.

Tanti progetti, mezzo miliardo di dollari di donazioni, pochissimi risultati con Jean Jean Flaubert, che tiene i rapporti tra Campeche e l’organizzazione che dichiara: “Ci avevano detto di avere un piano per cambiare totalmente Campeche. Oggi, però, ancora non ho capito di quale cambiamento stessero parlando. La Croce Rossa Americana lavora solo per se stessa”.

Il programma Lamika, (acronimo di una vita migliore nel mio quartiere), prevedeva la costruzione di 700 nuove abitazioni e la riparazione di 4mila case e migliaia di rifugi temporanei per 130mila persone, lo stanziamento di 44 milioni di dollari per donare cibo, medicinali e la costruzione di un ospedale. ma Campeche, come la maggior parte delle zone di Port-au-Prince, è ancora oggi un ammasso di baracche di lamiera, dove bambini e animali camminano in mezzo ai rifiuti e ai liquami delle fogne a cielo aperto, senza energia elettrica ne acqua potabile e solo sei nuove case.

Grande spreco di denaro per una operazione definita un “fallimento” dallo stesso Presidente dell’Arc, Gail McGovern, che attribuisce la colpa alla burocrazia: ostacoli però incontrati anche dalle altre organizzazioni che con fondi nettamente inferiori sono riuscite a realizzare ben 9mila case. Sempre secondo l'inchiesta disponendo di personale inesperto la Croce Rossa Americana ha affidato i lavori ad altre organizzazioni, facendo lievitare i costi e trattenedo comunque un terzo dei fondi.

LA REPLICA DELL'AMERICAN RED CROSS:

La replica della ARC parla di 8 ospedali, di scuole e di abitazioni ristrutturate e rese sicure per 100mila persone e ha addirittura creato un sito per illustrare cosa è stato fatto e sentire direttamente il parere di chi è stato aiutato:

http://www.redcross.org/news/article/The-Real-Story-of-the-6-Homes-Answering-Questions-about-Haiti

oltre a rispondere direttamente alle numerose inesattezze pubblicate da ProPublica/NPR coverage.

LA MORALE:

Certamente i dati ARC sono corretti ma vaghi e dalle dichiarazioni ufficiali possiamo comprendere come l'italico genio ha moltiplicato poche risorse per ottenere grandi risultati mentre la ARC non è stata certamente in grado di fare altrettanto.

Se dovessimo assegnare voti potremmo dare un bel 9+ alla Croce Rossa Italiana ma solo la sufficienza del 6 alla American Red Cross che non è stata in grado di produrre quanto avrebbe potuto con le astronomiche donazioni ricevute.

In ogni caso una preparazione capillare e professionale risulta sempre pagante e lo stuolo di volontari entusiasti deve essere sempre coordinato da figure professionali di alto profilo non essendo possibile improvvisarsi medici nella gestione delle emergenze sanitarie o ingegneri nelle maxi emergenze.

 

15 giugno 2015

Medical Flight Case per la CRI: una lodevole iniziativa

A Fiumicino il Centro Tecnico Rifornimenti e il 2° Laboratorio Tecnico di Controllo hanno raccolto fondi attraverso uno spettacolo di beneficenza teatrale con circa 100 spettatori.

 

I fondi raccolti hanno permesso di acquistare un "Medical Flight Case" per il soccorso.

Si tratta di un carrello polifunzionale, derivato da i contenitori su ruote impiegati negli aerei, adatto al trasporto di materiale sanitario di primo impiego che darà supporto e maggiore flessibilità alle squadre che allestiscono i posti di primo soccorso, garantendo l'indipendenza igienica e funzionale del materiale sanitario dalle condizioni ambientali quasi sempre critiche nei "Posti Medici Avanzati di I Livello". Struttura medicalizzate ove, il personale medico, può garantire un triage avanzato, cioè la selezione in classi di gravità in funzione delle lesioni riportate e delle priorità di trattamento e/o evacuazione.

Il "Medical Flight Case" è quindi un box parallelepipedo strutturalmente rinforzato e dotato di ruote pivottanti adatto al trasporto di materiale e strumenti delicati in ambienti anche instabili come quelli degli areomobili. Quando deve essere utilizzato rende immediatamente disponibili i suoi contenuti attraverso sportelli, contenitori estraibili e cassetti pur rimanendo sempre facilmente spostabile.

Simile ai carrelli portautensili usati da anni negli ambienti industriali e omnipresenti nelle officine anche di minuscole dimensioni, il Medical Flight Case si distingue per una maggiore robustezza, per la suddivisione degli spazi interni specificatamente prevista per le attrezzature medicali e per le sue chiusure antipolvere.

Il MFC è stato consegnato al Presidente del Comitato Provinciale di Roma della Croce Rossa Italiana dal Comandante del CTR, Colonnello Cosimo Lospinoso,.


5 giugno 2015

L'altra faccia del coraggio

A Roma sino al 6 giugno in via del Corso 305 e dal 18 al 27 giugno presso la Sala Santa Rita di Via Montanara viene allestita una mostra dal titolo "La Grande Guerra: l’altro volto del coraggio", realizzata dall’Ambasciata Britannica a cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Nel centenario dell'entrata in guerra dell'Italia la mostra fotografica vuole ricordare la cooperazione umanitaria tra Italia e Inghileterra.

Venticinque fotografie digitalizzate rappresentano il lavoro della Croce Rossa sul fronte austriaco con didascalie bilingue che illustrano il contesto storico della Prima Guerra Mondiale e l’operato della Croce Rossa.

SH179

L'ingresso è libero e gratuito.

 

3 giugno 2015

Quando il crimine "paga"

A Cremona i Carabinieri avevano arrestato 4 criminali rumeni che gestivano furti di gasolio recuperando nell'operazione anche 700 litri di carburante. Di questi 200 erano stati rubati in un cantiere edile e subito restituiti mentre dei rimanenti 500 non era stato possibile identificare i legittimi prorietari. Oggi il Tribunale ha disposto quindi di devolvere alla Croce Rossa questo gasolio. In effetti possiamo dire che in questo caso è stato il crimine a "pagare" un pò di carburante per le ambulanze.

Un plauso ai militi dell'Arma dei Carabinieri per la brillante operazione e al magistrato che ha fatto la scelta giusta devolvendo il modesto quantitativo alla Croce Rossa locale un contributo di circa 750 €.


27 maggio 2015

Resoconto delle attività C.R.I. 2014

Ogni anno le attività della Croce Rossa Italiana vengno presentate ufficialmente al Governo Italiano. Nel 2014 il report ufficiale indica in 14.700.000 ore quelle offerte dai volontari con una media che sfiora le 100 ore annuali per ciascun volontario che in media presta gratuitamente la propria disponibilità per due ore alla settimana.

Dalla tragedia per l'alluvione in Liguria all'assistenza a 133.000 migranti al sostegno (alimenti e indumenti) a 511.000 persone indigenti e 1.000.000 di interventi in ambulanza e i quattro centri antiviolenza di Asti, Avezzano, Genova e Padova: questi i dati più significativi.

Ad Haiti è stato inaugurato il "Villaggio Haitien Solferino" che accoglie in 53 abitazioni altrettante famiglie vittime del terremoto del gennaio 2010 e la CRI si è impegnata anche nel Kurdistan Iracheno.

 

20 maggio 2015

La Croce Rossa Svizzera prevede un 2015 nero, anzi in rosso!

Da Lugano notizie allarmanti per la Crce Rossa che ha chiuso in rosso il bilancio 2014 con perdite di oltre 176.000 franchi svizzeri e fa previsioni ancora più nere per il 2015 che vedrà aumentare le perdite ad oltre 400.000 franchi. Dato che un € vale circa 1.05 franchi questi dati sono terribili anche se convertiti in €.

Le perdite maggiori derivano naturalmente dalla crisi economica che ha sensibilmente diminuito le donazioni e fatto lievitare gli interventi di aiuto per famiglie in difficoltà con un trend che lascia poche speranze di rialzo nel breve periodo.


18 maggio 2015

 

GIornata Internazionale dei Musei

International Museum Day

Ogni anno, dal 1977, ICOM celebra l’International Museum Day – la Giornata Internazionale dei Musei, importantissimo appuntamento di condivisione internazionale dei valori fondamentali del museo.

Il tema dell’edizione del 2015 è Museums for a sustainable society –­ Musei per una società sostenibile è dedicato al ruolo che i musei possono avere nel costruire una società sostenibile; oggi, una delle maggiori sfide è infatti adattare i modi di vivere e di sviluppo della società in rapporto alla natura. Questa transizione in direzione di una società sostenibile richiede nuovi modi di agire e di pensare e i musei svolgono un ruolo fondamentale, promuovendo lo sviluppo sostenibile e collaborando, quali laboratori di buone pratiche.

ICOM acronimo di International Council of Museums - è l'organizzazione internazionale dei musei e dei professionisti museali impegnata a preservare, ad assicurare la continuità e a comunicare il valore del patrimonio culturale e naturale mondiale, attuale e futuro, materiale e immateriale.

Fondata nel 1946, ICOM è un'organizzazione senza fini di lucro che riunisce oltre 30.000 aderenti nei 5 continenti.
Organizzazione non governativa (ONG), ICOM è associato all'UNESCO e gode dello status di organismo consultivo presso il Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite.

Il Comitato Nazionale Italiano di ICOM è la principale associazione professionale del settore museale in Italia e si occupa di tutti i problemi strettamente connessi allo sviluppo e alla difesa della professione. ICOM Italia ha promosso e coordina inoltre l'attività della Conferenza permanente delle Associazioni museali italiane.

 

La Giornata Internazionale dei Musei nel Lazio

Norma (Latina)

Museo Civico Archeologico"Padre Annibale Gabriele Saggi"di Norma e Parco Archeologico di Norba

Da sabato 16 a lunedì 18: simulazioni di scavo, visite guidate e ingressi ridotti al Museo e al Parco archeologico.

Informazioni: 0773.353806 | fax 0773.354186 | Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Roccagorga (Latina)

EtnoMuseo Monti Lepini

18 maggio: all’interno del progetto Rebirth-day2015, performance urbana (costruzione di una mela in rete metallica ponendo al suo interno, attraverso una parte “morsicata”, materiali di alluminio, ponendo così l’attenzione sulla necessità di differenziare i rifiuti in generale e l’alluminio in particolare, materiale riciclabile al 100% e riutilizzabile all’infinito per dare vita ogni volta a nuovi prodotti).

Informazioni: 0773958947 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Roma

Il Museo Laboratorio della Mente della ASL Roma E

18 maggio, dalle ore 10.00 alle ore 17.00: accesso libero all’Auditorium “Paolo Rosa” per proiezione di corti.

Informazioni: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Il Museo Nazionale Preistorico Etnografico “L. Pigorini”

17 maggio: “DECLINAZIONE DI COMUNITA'. Il museo in dialogo con l'arte contemporanea”

ore 10.30 - Proiezione del film “l segno sulla pietra – Il Sahara sconosciuto degli uomini senza nome” di Lucio e Anna Rosa. Introduce il regista Lucio Rosa.

ore 12.00 – Visita guidata alla Mostra “Hitnes / Il Baro. Quotidianità dei segni rupestri” con i curatori Emanuele Meschini (storico dell'arte) e Alessandra Serges (paletnologa).

Informazioni: 06 549521 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

9 maggio 2015

Al via un progetto fondamentale per la sicurezza:

internet super veloce per tutti in Italia

Ogni cosa oggi dipende dal web comprese le grandi emergenze nazionali e quelle piccole e  quotidiane ma non meno importanti perchè personali.

Il nuovo piano nazionale italiano porterà in pochi anni il web veloce ovunque finalmente e una volta tanto senza costi improponibili da caricare sulle spalle dei Cittadini italiani vessati del maggiore carico fiscale al Mondo!

Lo Stato Italiano ha finalmente chiamato in causa ENEL e sfruttare le sue linee aeree e i cavidotti già esistenti.

Una rete estremamente capillare dato che collega ogni casa in Italia allacciata alla rete elettrica.

Un connubbio imprescindibile perché senza energia elettrica internet non si può usare.

I cavi ottici sono fatti di vetro cioè di materiale non conduttore di elettricità. Il vetro convive da sempre con l'elettricità proprio per le sue qualità isolanti e può veicolari i segnali digitali di internet, telefono e televisione senza alcun problema anche affianco a normali cavi elettrici per entrare in tutte le case anche quelle più sperdute in montagna.

In parole povere i tralicci ad alta tensione, le linee elettriche a media tensione e i cavi aerei e interrati della distribuzione elettrica capillare porteranno internet veloce a 100 Mb e oltre ovunque in Italia. Gli stessi cavi offriranno supporto per le comunicazioni telefoniche digitali voip sia per le utenze domestiche che per i centralini commerciali e si potrà avere la televisione digitale ad alta definizione e a richiesta in tutte le case.

Gli utenti domestici avranno Web, TV e telefono senza i costi dei collegamenti satellitari o le inefficienze e i disservizi dei cavi in rame.

Per la televisione sarà una rivoluzione epocale perché ognuno potrà decidere cosa e quando vedere per ogni canale televisivo sia gratuito che a pagamento e il palinsesti dei canali rimarranno solo una lista non vincolante: tutti potranno arrivando a casa decidere cosa vedere dal notiziario al film dall'inizio, con la possibilità di metterli in pausa o saltare la fastidiosa pubblicità trattandosi in effetti di programmi registrati.

Per le emergenze una possibilità strategica di valore assoluto per dare notizie a tante persone in tempo reale, per la Croce Rossa Italiana e per tutto il sistema Italia di Protezione Civile un potenziamento tattico senza precedenti.


30 aprile 2015

Per favore smettiamo di chiamarla emergenza!

Emergenza è una particolare condizione, limitata nel tempo che richiede un intervento immediato e immediatamente risolutivo: questa la definizione corretta. Quindi perché chiamare emergenza la critica situazione dei migranti che si trascina da circa 20 anni senza soluzione di continuità ma anzi con caratteristiche ben precise. Sfogliando le statistiche troviamo che aprile è il mese più nero con la più alta percentuale di vittime. In Italia la Pubblica Amministrazione non conosce il concetto di emergenza tanto che, ad esempio, gli italiani pagano ancora la tassa sulla benzina introdotta per il terremoto del 1908! L'emergenza dura un tempo limitatissimo non certo 107 anni.

Ma con 1800 vittime in un mese il problema è serio perché si tratta di un fenomeno orrendo che dura e miete vittime da due decenni con l'Italia che è, per posizione geografica, in prima linea ma il problema non è solo italiano ma Europeo. Eppure oggi l'EU, dominata dalla triade Germania-Inghilterra-Francia guarda altrove e se ne disinteressa lasciando tutto il peso sul nostro Paese.

L'Italia è da due millenni la culla del diritto e della solidarietà, non è mai stata un Paese imperialista e razzista come tutti quelli del nord Europa che si sono macchiati di crimini orrendi per interessi economici e che oggi intendono pensare ancora una volta esclusivamente ai loro interessi.

La nuova guerra mondiale non si sta combattendo con le asce di un'apocalisse post-nucleare ma con i fondi in € e divisioni costituite non da soldati ma da banche e banchieri più o meno privati.

L'Europa deve abbandonare queste logiche aberranti ed uscire dalla crisi con la solidarietà e la condivisione delle risorse. Invece oggi abbiamo di nuovo in Nord Africa l'Africa Korps tedesca che non usa i panzer ma altri sistemi non meno aberranti visto che prima fa comprare in Marocco la quasi totalità della produttività agricola del settore pomodori da società tedesche e poi fornisce i fondi europei alle società formalmente "marocchine" per la produzione e la vendita di pomodori mentre vengono strozzate le quote di produzione italiane.

Anche queste battaglie mietono vittime perchè i contadini e le PMI italiane falliscono quindi anche se i metodi sono diversi non ci sono grosse differenze tra Hitler e la Merkel: entrambi mirano al potere e utilizzano ogni mezzo!

L'Italia ha avuto un suo periodo coloniale è vero, ma la dittatura è durata solo 20 anni una inizia se confrontata a secoli di razzismo e imperialismo degli altri. Uno scheletro piccolissimo peraltro non condiviso dalla popolazione perché i cittadini italiani hanno protetto e nascosto gli ebrei dalle persecuzioni mentre in Germania i figli denunciavano i genitori! D'altronde chi non ha scheletri? Nel luglio del 1938 un alto prelato vaticano fondatore del complesso universitario/ospedaliero che porta il suo nome (Agostino Gemelli) fu il primo a mettere la firma sul "manifesto degli scienziati razzisti" che chiedeva anche in Italia le leggi razziali naziste.

Le tragedie del Canale di Sicilia non sono emergenza ma orrore quotidiano continuato e l'Europa deve intervenire aiutando l'opera meritoria degli Italiani e analogamente questa catastrofe ha bisogno anche dell'intervento della Croce Rossa Internazionale che non può lasciare la Croce Rossa Italiana da sola a fronteggiare questa immane catastrofe.

Triton cioé la "risposta" europea mette in campo solo il 30% delle risorse che l'Italia da sola sosteneva con "Mare Nostrum" e oltretutto si pone obiettivi diversi privilegiando la sicurezza (giusto) ma a discapito della solidarietà (sbagliato). Senza un programma umanitario importante non ci sarà mai sicurezza.

Oggi servono aiuti concreti e non vuote dichiarazioni di principio e devono venire dagli organismi internazionale Europa e Croce Rossa Internazionale in primis perché l'Italia non può essere lasciata da sola a combattere questa "battaglia" che è di tutti.

Presto o tardi tutti dovranno capire che la Terra è un piccolo sasso in un universo infinito e che ogni problema riguarda tutti. Un ferita ovunque procurata necessità dell'attenzione di tutto il corpo che reagisce: quando l'umanità comprenderà di essere un solo, unico corpo allora avremo un pianeta sano e un Terra 2.0! Facciamo che questa consapevolezza parta da noi.

ing. Mauro Contili

 

28 aprile 2015

Ma i nodi vengono sempre al pettine

Tre operatori di una cooperativa, due volontari e un militare rubavano alla Croce Rossa di Asti razziando vestiti, alimenti, generi destinati ai poveri e carburante per le ambulanze. Si trattava di furti ingenti, continuati e mirati che in poco tempo hanno fatto emergere ammanchi di quintali di pasta, olio, formaggi, biscotti ed altri generi alimentari insieme a stoviglie, pentole, vestiti e giocattoli destinati alle 350 famiglie di poveri aiutati dalla C.R.I. del Comitato Locale e attraverso il fraudolento utilizzo di una carta di credito anche di 6.500 € per indebiti acquisti di gasolio che avrebbe dovuto essere destinato alle ambulanze.

Dopo la denuncia, attraverso telecamere e perquisizioni domiciliari sono stati scoperti ammanchi e responsabili che identificati sono stati consegnati alla Giustizia Ordinaria.

In un momento così difficile per tutti in Italia fa ribrezzo constatare come ci siano persone che rubano quanto destinato ai più bisognosi o utilizzino a scop personale risorse della Croce Rossa.

 

27 aprile 2015

Operatori C.R.I. nel Canale di Sicilia?

Nel Canale di Sicilia i pescherecci locali svolgono da tempo funzioni di vedetta e intervento in soccorso dei barconi di migranti e ora una proposta della Regione Sicilia intenderebbe istituzionalizzare questo ruolo e inserire volontari della Croce Rossa in funzione di "Guardiani Umanitari" imbarcandoli sui pescherecci con funzioni di sostegno, coordinamento e primo soccorso.

 

26 aprile 2015

Domenica 26 aprile raccolta di sangue a Formello

Il Responsabile della Raccolta del sangue ed emoderivati di Formello Lucio Vecchio comunica che il prossimo 26 aprile nei locali del centro sociale anziani del Comune di Formello (adiacente al teatro) verrà allestita la struttura a disposizione di quanti intendono salvare vite donando sangue dalle ore 8 alle 11.30.

Lucio Vecchio, che da anni si occupa, di organizzare la raccolta di sangue ed emoderivati nel territorio si è detto particolarmente soddisfatto dei recenti riconoscimenti ricevuti per l'eccellente preparazione delle strutture e del personale impiegato nella raccolta definiti dai sanitari al vertice tra quelle impiegate dalla Croce Rossa. Un riconoscimento che certo inviterà un numero sempre maggiore di donatori a fornire supporto ad una organizzazione definita di livello assoluto.

Donare il sangue è bello e salva vite, farlo in un ambiente eccellentemente predisposto e confortevole, con l'ausilio di personale sanitario e di supporto preparato e professionale fa divenire questo gesto ancora più gratificante.

sh046

 

Per chi volesse contribuire a pubblicizzare la campagna per la raccolta di sangue è possibile scaricare il volantino in formato pdf.

 

31 marzo 2015

La CRI si adegua: ecco la proroga dell'inderogabile!

Con una nota appena diffusa l'ordinanza presidenziale CRI n° 91/2015 proroga al 30 aprile 2015 il limite fissato inderogabilmente dalla recente ordinanza 22/15 del 26 gennaio 2015. Il provvedimento è giustificato dalla necessità di adeguare il regolamento CRI al D.L n° 178 del 2012 e del D.M.S. del 16 aprile 2014. I Presidenti dei Comitati dovranno redigere e comunicare alle sedi regionali competenti sia l'elenco dei soci che hanno versato la quota entro il termine del 31 marzo sia quello di quanti avranno provveduto a versare le quote entro il 30 aprile.

 

25 marzo 2015

Scegli di sostenere chi salva vite ogni giorno!

Acquista le uova solidali della Croce Rossa disponibili nelle varianti al latte e fondente, hanno un peso di 300gr e sono prodotte artigianalmente in Italia. Ogni uovo dispone della sua confezione personalizzata ed è accompagnata da una shopper, entrambe personalizzate “Croce Rossa”.

Le uova Croce Rossa possono essere acquistate direttamente dai volontari CRI a Formello

giorno orario dove
venerdì 27 marzo dalle 14 alle 19.30 Le Rughe (davanti a PAM)
sabato 28 marzo dalle 8.30 alle 19.30 Le Rughe (davanti a PAM)
dalle 8.30 alle 14 Le Rughe Sede CRI di viale America 42 (al Centro Civico)
domenica 29 marzo dalle 8.30 alle 13 Le Rughe (davanti alla Chiesa)

SH043

Quest’anno la campagna "Uova Solidali CRI 2015" è sostenuta e supportata da Alessia Marcuzzi, la show girl qualche anno fa assidua frequentatrice di Formello in qualità di consorte del centravanti della Lazio Inzaghi, che ha prestato il suo volto per sostenere i progetti della Croce Rossa di Roma.

 

25 marzo 2015

Nessuna proroga per il pagamento della quota associativa: 

Il 31 Marzo termine ultimo per il pagamento della quota associativa dell'anno 2015

Con O.P. 022 del 26 gennaio 2015 il Presidente Nazionale ha stabilito le quote associative per l'anno 2015 relative ai soci della Croce Rossa Italiana

  • € 8,00    socio attivo
  • € 16,00  socio ordinario
  • € 1,00    socio ordinario limitato ai soggetti di età compresa tra i 16 e 25 anni e che si impegano a donare il sangue all'interno dei "Club 25 - Italia",

Il socio attivo che versi anche la quota integrativa di € 20,00 (euro venti/00) acquisisce la qualifica di "Volontario C.R.I. sostenitore".
I Presidenti dei Comitati C.R.I., in considerazione di programmate attività di supporto ed inclusione sociale rivolte alle vulnerabilità del territorio, ai sensi dell'art. 2 - comma 3 - del Regolamento dei Volontari C.R.I. (O.C. 567/12), potranno aumentare l'entità della suddetta quota integrativa.

Il versamento della quota associativa da parte dei soci attivi deve essere effettuato, presso il Comitato di appartenenza, improrogabilmente entro il 31 marzo 2015.

Atteso che negli statuti adottati dai Comitati Locali e Provinciali C.R.I. non è prevista la categoria di "Socio Ordinario", i Presidenti dei Comitati Provinciali e Locali provvederanno:

  • all'incasso delle quote associative di "Socio Ordinario" che potranno essere utilizzate dal Comitato esclusivamente per le finialità istituzionali della Croce Rossa Italiana;
  • all'inoltro dell'elenco dei soci ordinari ai sovraordinati Comitati Regionali della C.R.I. ai fini della tenuta del "Libro Soci 2015" regionale. Per i soci della Regione Trentino Alto Adige gli elenchi dei soci ordinari saranno inviati ai Comitati Provinciali C.R.I. di Bolzano e Trento.

I Presidenti dei Comitati Regionali nonchè i Presidenti dei Comitati Provinciali C.R.I. di Bolzano e Trento, ciascuno per quanto di competenza, provvederanno:

  • all' aggiornamento dei dati sui soci nel libro soci 2015;
  • a vigilare sul corretto utilizzo delle quote sociali da parte dei Comitati Locali e Provinciali

Il testo dell'ordinanza presidenziale sulle quote associative


24 marzo 2015

Ancora una volta la Croce Rossa si evolve sotto la spinta decisiva delle iniziative dei singoli Comitati locali che rappresentano da sempre il vero motore delle Società nazionali. A Pesaro, in questi giorni, è stato raggiunto un accordo fra il Comitato locale e la Capitaneria di Porto per imbarcare volontari sulle Motovedette della Guardia Costiera di Pesaro che, la prossima estate, parteciperanno attivamente alle operazioni di soccorso e salvataggio in mare. I guardacoste agiranno negli spazi di mare circostanti spiagge famose e mete turistiche di Marotta, Pesaro, Fano e Gabicce Mare. L'accordo è stato siglato dal comandante Capumizzato e dal presidente Frulli e potrebbe divenire il prototipo di un servizio da estendere in futuro all'intero sistema guardia coste italiano.

LA GUARDIA COSTIERA ITALIANA

Il Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera è un Corpo della Marina Militare che svolge compiti e funzioni collegate in prevalenza con l'uso del mare per i fini civili e con dipendenza funzionale da vari ministeri che si avvalgono della loro opera: primo fra tutti il Ministero delle Infrastutture e dei Trasporti che ha "ereditato" nel 1994, dal Ministero della marina mercantile, la maggior parte delle funzioni collegate all'uso del mare per attività connesse con la navigazione commerciale e da diporto e sul cui bilancio gravano le spese di funzionamento. Il Corpo dispone di un organico complessivo di circa 11.000 persone tra ufficiali, sottufficiali e truppa.

LE PRINCIPALI LINEE DI ATTIVITA'

Ricerca e soccorso in mare (SAR), con tutta l’organizzazione di coordinamento, controllo, scoperta e comunicazioni attiva nelle 24 ore che tale attività comporta. Servizio di assistenza marittima alle navi (MAS) in ottemperanza al Dlgs 196/05 e alla risoluzione IMO A.950(23) nell’ambito del servizio degli MRSC

Sicurezza della navigazione, con controlli ispettivi sistematici su tutto il naviglio nazionale mercantile, da pesca e da diporto, attività di Port State Control, anche sul naviglio mercantile estero che scala nei porti nazionali e maritime security, una combinazione di misure preventive dirette a proteggere le navi e gli impianti portuali contro le minacce di azioni illecite intenzionali (Reg. EU 725/2004) ed al miglioramento della sicurezza marittima nei porti (Dir. EU 2005/65 e D.Lgs 6 Novembre 2007, n. 203)

Protezione dell’ambiente marino, in rapporto di dipendenza funzionale dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, utilizzando sinergicamente a tal fine anche risorse (centrali operative, mezzi aereonavali, sistemi di controllo del traffico navale) già attivati per compiti di soccorso, sicurezza della navigazione e di polizia marittima

Controllo sulla pesca marittima, in rapporto di dipendenza funzionale con il Ministero per le politiche agricole alimentari e forestali: a tal fine il comando generale è l’autorità responsabile del Centro Nazionale di Controllo Pesca e le Capitanerie effettuano i controlli previsti dalla normativa nazionale e comunitaria sull’intera filiera di pesca;

Amministrazione periferica delle funzioni statali in materia di formazione del personale marittimo, di iscrizione del naviglio mercantile e da pesca, di diporto nautico, di contenzioso per i reati marittimi depenalizzati

Polizia marittima (cioè polizia tecnico-amministrativa marittima), comprendente la disciplina della navigazione marittima e la regolamentazione di eventi che si svolgono negli spazi marittimi soggetti alla sovranità nazionale, il controllo del traffico marittimo, la manovra delle navi e la sicurezza nei porti, le inchieste sui sinistri marittimi, il controllo del demanio marittimo, i collaudi e le ispezioni periodiche di depositi costieri e di altri impianti pericolosi.
Le funzioni del Corpo in materia di polizia giudiziaria sono oggi indirizzate principalmente nell’attività di prevenzione, accertamento e repressione di tutti quei comportamenti illeciti o comunque sanzionabili  che hanno come presupposto giuridico la violazione di norme non solo previste dal codice della navigazione, ma anche in materia di tutela ambientale, del patrimonio ittico e delle attività di pesca.

ULTERIORI FUNZIONI

Sono svolte per i Ministeri della difesa (arruolamento personale militare), dei beni culturali e ambientali (archeologia subacquea), degli interni (antiimmigrazione), di grazia e giustizia, del lavoro (Uffici di collocamento della gente di mare) e del dipartimento della protezione civile, tutte aventi come denominatore comune il mare e la navigazione.
L’ampiezza e la varietà delle attività svolte pongono le capitanerie come organo di riferimento per le attività marittime e ne fanno un vero e proprio “sportello unico” nei rapporti con l’utenza del mare. Il Corpo si configura come una struttura altamente specialistica, sia sotto il profilo amministrativo che tecnico-operativo, per l’espletamento di funzioni pubbliche statali che si svolgono negli spazi marittimi di interesse nazionale. Tali spazi comprendono 155.000 Kmq di acque marittime, interne e territoriali, che sono a tutti gli effetti parte del territorio dello Stato, nonchè ulteriori 350.000 KMq di acque sulle quali l'Italia ha diritti eslusivi (sfruttamento delle risorse dei fondali) o doveri (soccorso in mare e protezione dell'ambientemarino): un complesso di aree marine di estensione quasi doppia rispetto all'intero territorio nazionale che, com'è ben noto ammonta a 301.000 KMq. Secondo le linee di tendenza che si stanno affermando in Europa, l’autorità marittima – guardia costiera deve esercitare un effettivo controllo sui mari per la salvaguardia della vita umana, per la sicurezza della navigazione, per il corretto svolgimento delle attività economiche (pesca e sfruttamento della piattaforma continentale) e per la tutela dell’ambiente marino.

 

 

22 marzo 2015

Una piccola rappresentanza della Croce Rossa ha partecipato insieme ad una decina di migranti per la prima volta alla maratona non competitiva di 5 Km di Roma con lo slogan "Corriamo per chi fugge" per sottolineare la fondamentale e prioritaria vocazione della Croce Rossa che in ben 200 Stati è il custode del Diritto Internazionale Umanitario.


19 marzo 2015

Le due eclissi: quella buona e quella cattiva

L'eclissi positiva:

Domani mattina potremo osservare un fenomeno raro: la luna che si interpone fra il nostro pianeta e il sole oscurandolo totalmente in alcune zone come quelle del nord europa e parzialmente alle nostre latitudini. In pratica a Roma il sole comincerà progressivamente ad essere oscurato dalle 9.23 di domani mattina sino a circa metà (54%) intorno alle 10.33 per poi riprendere il suo naturale splendore dalle 11.43. Un fenomeno che complessivamente avrà nell'Italia centrale una durata di 2 ore e 20 minuti.

Come NON osservare il fenomeno:

  • osservare il sole, anche durante l'eclissi, causa danni irreparabili ai nostri occhi in proporzione al tempo di osservazione quindi è pericolosissimo farlo e oltretutto non saremo in grado di apprezzare il fenomeno per l'abbagliamento del nostro sistema visivo
  • è pericolosissimo utilizzare occhiali, filtri fai da te, pellicole 35 mm annerite, vetrini affumicati, vetri e maschere da saldatore perchè solo alcuni tipi speciali e difficili da reperire sono adeguati (fattore di protezione > 14)
  • non acquistate oggetti di questo tipo da venditori ambulanti perché sono reperribili solo in alcuni negozi specializzati: i vostri occhi non valgono pochi €
  • NON utilizzare mai binocoli o telescopi o lenti perchè concentrano la luce e sono in grado di bruciare la macula dell'occhio in pochi istanti rendendovi ciechi per tutta la vita!
  • TUTELATE BAMBINI, ANZIANI E QUANTI SONO CONVINTI DI SAPERE TUTTO DAI RISCHI DELL'ECLISSI!

Come osservare il fenomeno:

  • possiamo utilizzare un filtro astronomico specifico (Astrosolar) ma è costoso e di difficile reperibilità
  • possiamo utilizzare il nostro cellulare per scattare qualche foto del fenomeno da poter osservare anche subito dopo e senza alcun rischio l'eclisse evitiamo però di puntare troppo a lungo il sensore verso il sole e proteggiamolo almeno con la lente di occhiali di buona qualità scuri che non possono proteggere i nostri occhi ma possono proteggere l'obiettivo per il brevissimo lasso di tempo durante il quale l'otturatore si apre. Evitate comunque di girare video clip
  • il sistema assolutamente sicuro consiste nell'utilizzare il principio fisico della camera oscura: preparare un foglio di materiale rigido sufficientemente ampio aleno quanto un foglio A4, possibilmente nero o scuro e dotato al centro di un piccolo forellino realizzato con cura con un comune piccolo chiodo, il foro agisce da lente e proietterà l'immagine dell'eclisse su una qualsiasi superficie preferibilmente bianca e parallela allo schermo da osservare spalle al sole in totale sicurezza. L'immagine riflessa potrà esserre fotografata e potrete persino girare un video clip senza preoccuparvi della sua durata. Il foro funziona come una lente quindi è necessario mettere a fuoco l'immagine variando la distanza tra lo schermo forato e la superfice sulla quale viene proiettata l'immagine stessa (l'immagine viene proiettata invertita ma questo poco toglie alla bellezza dell'ossservazione e scattandone foto sarà sufficiente ribaltarle con un qualsiasi software grafico per avere l'immagine corretta
  • il villaggio globale offre la possibilità di osservare su internet la diretta streaming del fenomeno e persino riprese satellitari con una semplice ricerca delle parole chiave eclissi streaming potete gustarvi l'eclissi senza rischi

Osservare l'eclissi è bellissimo ma non è un gioco e può portare alla cecità quindi fatelo e fatelo fare solo in completa sicurezza, in modo particolare ai giovani e a quanti si considerano "esperti e tuttologi".

SH035

Secondo il centro meteo questa sarà la situazione delle nuvole durante l'eclissi.

L'eclissi negativa:

La sede Croce Rossa Formello che gestisce importanti servizi sanitari per la popolazione ha subito un "eclissi telefonica" per l'interruzione della linea telefonica per l'ennesimo disservizio Telecom durato addirittura giorni e risolto solo da poche ore. Se ormai gli utenti italiani subiscono quasi con rassegnazione i blackout telefonici sempre più frequenti forse l'azienda telefonica dovrebbe riflettere almeno sulla necessità di garantire un servizio efficace alle attività di emergenza e sociali. La crisi italiana passa anche per l'inefficienza dei servi di comunicazione con i collegamenti internet sempre più importanti. La Croce Rossa Formello sta studiando sistemi alternativi che possano garantire comunicazioni di emergenza efficaci anche in caso di blackout delle linee telefoniche e presto provvederemo ad informare la popolazione dei nuovi sistemi che si affiancheranno a quelli esistenti 24/24 ore.


Blood game: Il gioco del sangue

 

La Fondazione Svedese del Premio Nobel ritiene che la diffusione di conoscenze utili a tutti sia una priorità assoluta e ha creato un divertente gioco online di grande importanza educativa per diffondere conoscenze fondamentali e utilissime sul sangue, le sue tipologie e le tecniche di trasfusione controllata e sicura.

La Croce Rossa Formello non poteva non supportare pienamente la diffusione della cultura del sangue, dell'importanza delle trasfusioni di sangue ed emoderivati e le procedure che le rendono sempre più sicure.

Per questo gioco abbiamo quindi tradotto la guida di riferimento in modo che tutti, anche coloro che non conoscono la lingua inglese nelle sue sfumature siano in grado di divertirsi ed apprezzare pienamente il gioco.... (segue)


La checklist del progetto sociale

Gantt

 

Un progetto sociale è facile da ipotizzare ma le difficoltà sorgono quando se ne deve valutare l'efficacia e si deve renderlo operativo. Abbiamo realizzato una checklist per rendere la pianificazione più semplice e costruttiva poiché se anche il più esperto dei piloti, quello con migliaia di ore di volo, si affida alla checklist prevolo un motivo dovrà pur esserci e tutto diviene ancora più semplice sfruttando il supporto informatico e gli strumenti a disposizione di tutti.  (segue....)

 

 

GRF 2015: 360.000 GRAZIE!

 

Sabato 14 febbraio 2015 si è tenuta la XV Giornata di Raccolta del Farmaco, organizzata in oltre 3.600 farmacie distribuite in 97 province e in più di 1.200 comuni. A beneficiare dei farmaci saranno quasi 1.600 enti assistenziali quotidianamente impegnati nella lotta alla povertà sanitaria.

Nelle farmacie che hanno aderito all’iniziativa, su tutto il territorio nazionale, sono stati raccolti 360.000 farmaci che verranno destinati a più di 400.000 persone in stato di povertà.

GRAZIE a tutti gli italiani che, nonostante le difficoltà quotidiane anche quest’anno hanno risposto generosamente donando circa 360.000 farmaci da automedicazione destinate a più di 400.000 persone in stato di povertà quotidianamente assistite dai 1.638 enti caritatevoli convenzionati con la Fondazione Banco Farmaceutico onlus.

GRAZIE agli oltre 14.000 volontari, singole persone o appartenenti ad Associazioni e Movimenti, che hanno donato il loro tempo e la loro disponibilità a un grande gesto di gratuità e dato concreta testimonianza di “carità in opera”.

GRAZIE ai farmacisti, che hanno reso possibile l’iniziativa mettendo a disposizione le loro farmacie (3.673) e contribuendo personalmente con più di 550.000 euro.

GRAZIE ai media, TV, radio, stampa quotidiana e periodica, che hanno dato voce e visibilità alla GRF 2015.

 

25 febbraio 2015 inaugurato OPEM15A

Ieri sera presso il centro didattico della Croce Rossa Formello, in viale America, 42 a Le Rughe, è iniziato il percorso OPEM15A con lo scopo di formare 25 nuovi OPeratori EMergenza per potenziare il dispositivo di protezione territoriale. Sindaco FormelloParticolarmente efficace l'intervento del dott. Sergio Celestino che in qualità di Sindaco e quindi Responsabile del Sistema di Protezione Civile locale ha illustrato le caratteristiche salienti del territorio e i possibili rischi legati alle particolari caratteristiche idrogeologiche di un territorio di morfologia vulcanica già sottoposto in passato dal popolo Etrusco ad estesi interventi raccolta, drenaggio e contenimento delle acque meteoriche. L'intervento del Sindaco ha sottolineato l'importanza di una stretta ed efficace collaborazione tra gli Enti territoriali anche in tema di prevenzione e protezione che proprio in questi giorni è stata avviata attraverso il progetto +INSIEME. Il Sindaco ha infine auspicato la programmazione periodica di esercitazioni congiunte Croce Rossa / Protezione Civile per rendere migliore e più efficace la protezione del territorio. E' intervenuta anche la sig.ra Mirella Di Berardino che in qualità di Responsabile del gruppo Volontari Protezione Civile di Formello ne ha illustrato le dotazioni e l'organizzazione.

La Croce Rossa Formello ringrazia il Sindaco dott. Celestino e la sig.ra Di Berardino per i loro interventi che testimoniano la concreta volontà di iniziare un percorso comune certamente di grande impatto per il territorio.

 

24 febbraio 2015

I regolamenti C.R.I. e lo Statuto stabiliscono che la gestione dei rapporti interni sia attuata con una bacheca ufficiale nel sito web. Questo consente a tutti l'accesso alle informazioni e tutela l'ambiente evitando stampe inutili: risparmiare un foglio al giorno per ogni componente CRI evita di sprecarne 60 milioni e di produrre 350 tonnellate di gas serra all'anno.

Tutti i soci attivi si devono accreditare nel sito con un procedimento semplice: un click sull'opzione “Registrati” presente a sinistra permette la compilazione del modulo con il proprio nome, cognome e indirizzo mail attraverso il quale si riceve un messaggio per confermare la propria identità e attivare l'account.

La procedura è ufficiale e non paccettare sigle al posto del nome e cognome che deve essere inserito in chiaro altrimenti la stessa viene annullata, come nome utente è possibile inserire anche solo il nome se non ci sono possibili omonomie.

La Segreteria

 

24/25/26 febbraio 2015 allerta meteo per il Lazio

Il Dipartimento di Protezione Civile ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse per la previsione dal pomeriggio del 24 febbraio 2015 e per le successive 24-36 ore, di precipitazioni, rovesci o temporali nel Lazio. I fenomeni potranno essere accompagnati rovesci di forte intensità, attività elettrica atmosferica importante e forti raffiche di vento. Il Centro Funzionale Regionale ha emesso quindi un avviso di criticità idrogeologica codice giallo su tutte le zone di allerta ricordando che per ogni emergenza è possibile fare riferimento alla Sala Operativa Permanente al numero 803.555.

Codici criticità idrogeologica

La Protezione Civile promuove la cultura della prevenzione e della percezione del rischio idrogeologico

Secondo le recenti dichiarazioni di Franco Gabrielli la Protezione Civile deve iniziare dalla pianificazione territoriale, definito tema culturale da illustrare nelle scuole: perché è necessario comprendere i rischi e intervenire per prevenire conseguenze devastanti, tralasciando ogni concezione individualistica e la convinzione di poter fare quello che si vuole nelle proprietà personali lasciando, quando si manifestano i problemi, al pubblico intervenire per risolverli. Oggi ci troviamo a pagare il conto della stagione della devastazione, dell'incopemtetenza e deila leggerezza, ma non possiamo più permetterci di essere un paese senza memoria, che non fa tesoro delle disgrazie. Dobbiamo essere consapevoli che nelle zone sismiche la domanda da porsi non è “se ci sarà un terremoto” ma “quando ci sarà” e regolarci di conseguenza». Non dobbiamo fare presto (rifacendosi alle parole di Pertini dopo il terremoto del 1980) ma fare prima. Non possiamo non essere d'accordo perché la protezione può solo contenere gli effetti dei disastri mentre la prevenzione semplicemente li evita addirittura azzerando vittime e danni materiali e portare la cultura della prevenzione nelle scuole e diffonderla nella popolazione è uno degli obiettivi strategici della Croce Rossa.


insieme60


 

La croce rossa italiana adotta i droni:

Parte infatti il “Progetto SAPR”. I droni saranno utilizzati dalla Croce Rossa Italiana per le attività di ricerca e soccorso in caso di disastri e catastrofi in Italia e anche all’estero

Mercoledì, 18 febbraio 2015 ( affaritaliani.it)

I droni saranno utilizzati dalla Croce Rossa Italiana per le attività di ricerca e soccorso in caso di disastri e catastrofi in Italia e anche all’estero. Parte infatti il “Progetto SAPR” dell’organizzazione umanitaria: dopo il progetto-pilota svoltosi nello scorso anno a Bologna, presto saranno attivate le prime unità operative della CRI dotate di Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto (SAPR), distribuite in tutta Italia e dotate di droni multirotori. Questo nuovo progetto sarà presentato nel dettaglio in occasione della conferenza “Droni e sicurezza”, che si svolgerà il prossimo 24 febbraio presso il Centro Congressi Frentani (via dei Frentani 4 – ore 9-16). A questo evento, interverranno i massimi vertici della CRI, tra cui il presidente nazionale Francesco Rocca, oltre a rappresentanti della Protezione Civile, delle forze dell’ordine e delle forze armate. Saranno anche presenti diverse aziende specializzate italiane, che illustreranno droni e sensori per le attività di soccorso, security e difesa.

segue

 


 

CORSO OPERATORI RAID CROSS - SORIANO NEL CIMINO 7 MARZO E 8 MARZO 2015

Durata - Destinatari

Dal 07 marzo al 8 marzo 2015 - Aperto a tutti i Volontari della Croce Rossa Italiana afferenti ai Comitati Provinciali e Locali di Rieti, Viterbo, Latina, Frosinone e Roma .

Numero di partecipanti tra i 30 e i 15.

Obiettivi del Corso:

Formare nuovi Operatori Raid Cross che siano in grado di pianificare, organizzare e realizzare il gioco di ruolo che facilita ai ragazzi la comprensione e la diffusione del Diritto Internazionale Umanitario e la conoscenza del Movimento Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa, mediante la pedagogia dell’azione e l’apprendimento di gruppo. Il Corso fornirà le conoscenze e gli strumenti per progettare e condurre un Raid Cross. La Croce Rossa Italiana punta alla diffusione del D.I.U. ai giovani, rendendo loro consapevoli della realtà del conflitto armato e delle azioni umanitarie, fornendo loro gli strumenti per interpretare gli eventi, le notizie e la violenza in generale per contribuire a migliorare la comunità.

Articolazione del Corso:

Argomenti:

  • Presentazione del programma del Corso;

  • Nozioni fondamentali del Diritto Internazionale Umanitario;

  • Presentazione del Raid Cross;

  • Strumenti per pianificare, organizzare e realizzare un Raid Cross;

14 ore

Esame Teorico:

Test scritto + colloquio

Attestazione Rilasciata:

Al superamento dell’esame Attestato di Operatore Raid Cross

Dettagli del CORSO :

Comitato Organizzatore: Soriano nel Cimino (VT)

Responsabili di Progetto:

  • dr. Vittorio Sotgiu - Presidente del Comitato Locale C.R.I. Di Soriano nel Cimino;

  • S.lla Cristina Tenti - Delegato Area IV Comitato Prov.le di Viterbo, Direttore del Corso;

  • dr.ssa Alessandra Olivieri - Responsabile della Segreteria del Corso;

  • Contatti: 3331447915 3474456194

Luogo del Corso:

Hotel Eremo**** – Via S. Giorgio, 7 01038 Soriano Nel Cimino (VT tel. 0761/748899 sito: www.hoteleremo.it prenotazioni: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

L'albergo è facilmente raggiungibile sia per chi viene dalla strada Cassia ( da Roma prendere per Monte Rosi e poi Ronciglione, monti Cimini direzione Soriano nel Cimino ) per chi invece prende l'autostrada A1/E35/E45 n direzione di Strada Provinciale 61/SP61 a Soriano nel Cimino. Prendere l'uscita verso Soriano da SS675.

Nella stessa struttura sono previsti ed inclusi i pasti per il pranzo e la cena del 07

marzo+ pernotto ( due o tre per camera) e il pranzo del 8 marzo .

Finalita’ del CORSO :

Formazione di Operatori “Raid Cross” per le Provincie di Viterbo Rieti, Roma, Latina e Frosinone.

Modalita’ di presentazione domande di ammissione:

La domanda di adesione, allegata alla presente, compilata in ogni sua parte e firmata congiuntamente dall’interessato e dal Presidente /Commissario del Comitato di riferimento, che ne autorizza la partecipazione al Corso, e pena l’esclusione dovrà pervenire entro il 28 febbraio 2015 all’indirizzo e-mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Le spese di soggiorno durante il Corso compresi pasti saranno a carico del Comitato del Comitato Locale di Soriano nel Cimino ; le spese di viaggio sono a carico dei Comitati di appartenenza.

.

Modalita’ di presentazione al Corso:

I partecipanti dovranno raggiungere la sede del Corso la mattina del 7 marzo 2015 entro le ore 08.00 ed il Corso avrà termine il giorno 08 marzo 2015 alle ore 17.00, orario in cui avverrà il rientro nei propri Comitati.

modulo di adesione

programma del corso


Sabato

21 febbraio 2015

TUTTI IN SEDE CON VIVIANA E JOSEPHINE

Sabato prossimo 21 febbraio tutti quanti sono liberi sono attesi dalle ore 9.00 in sede a via Degli Olmetti per contribuire in allegria e in compagnia a migliorare l'organizzazione della nostra sede. Sarà l'occasione per passare qualche ora insieme per conoscerci meglio e fare gruppo. Le nostre "animatrici" d'eccezione vi allieteranno con giochi di società a tema tra i quali: "organizza il ripostiglio", "fammi spazio", "monta l'armadio", "il tetris dei tavoli", ecc. Ci sarà anche una caccia al tesoro con un primo premio di assoluto valore: un viaggio a spese proprie in Ucraina e Cecenia. Tutti i partecipanti saranno premiati dal nostro Commissario al Gran Gala della Croce Rossa Internazionale a Montecarlo che commemorerà il 500° anniversario della fondazione della C.R.I. nell'anno 2364.

Venite e fate venire tutti!

Avviso ai soci:

Nell'ambito della completa ristrutturazione del sito del Comitato di Formello che costituisce il sistema di comunicazione prioritario sia interno che con il territorio è stata nuovamente attivata la possibilità di registrarsi per accedere ai contenuti dedicati ai soci. La Segreteria invita tutti ad effettuare una nuova registrazione indicando il proprio nome e cognome e non alias o sigle come siamo normalmente abituati a fare per i servizi online. Il Comitato è un insieme formidabile di persone con periodici nuovi innesti e richiede un interfaccia semplice ed immediata con la possibilità di collegare senza dubbi i contributi di ognuno. Fondamentale quindi indicare il proprio nome e non sigle che potrebbero generare perplessità. Nel ringraziarvi per la collaborazione avvisiamo che saranno annullate le registrazioni non collegate al proprio nome e cognome.

 


LudotecaDomenica

15 febbraio 2015

 

LUDOTECA GIOCHERIA per bambini e ragazzi

 

Nella grande struttura gonfiabile climatizzata che sarà allestita in via Umberto I° accanto alle Scuole elementari di Formello, i Volontari della Croce Rossa Italiana allestiranno per i bambini laboratori creativi di pittura, scultura, disegno, lettura, e truccabimbi mentre i ragazzi potranno incontrarsi, stare insieme e divertirsi con giochi da tavolo e apprendere le tecniche del trucco cinematografico per creare personaggi carnevaleschi direttamente dai truccatori professionisti della Croce Rossa.


26 / 27 marzo 2015   Convegno nazionale:

Il Corpo Militare della C.R.I. nella Grande Guerra: una storia fatta di uomini

Convegno IWWIl 26 e 27 marzo 2015 a Firenze si svolgerà un Convegno a carattere nazionale nel quadro delle iniziative volte a commemorare il 100° anniversario della I Guerra Mondiale ed in particolare l’opera umanitaria svolta dal Corpo militare della C.R.I. a favore dei militari sui fronti di battaglia e delle popolazioni civili coinvolte dalla violenza bellica.

L’evento avrà luogo nell’Aula Magna della Caserma “Redi” di Firenze, messa a disposizione dal Comando dell’Istituto Geografico Militare di Firenze. L’ex convento e chiostro del Maglio, complesso la cui prima pietra fu posta nel 1297, dal 1887 è stato sede della Scuola di Applicazione della Sanità Militare, poi Scuola di Sanità Militare sino al 1992. Centro e dopo Dipartimento Militare di Medicina Legale sino al 2013, la struttura ospita oggi il Poliambulatorio del Comando Istituto Geografico Militare.
Il Convegno, organizzato dall’Ispettorato Nazionale tramite l’VIII Centro di Mobilitazione di Firenze, ha la finalità di ricordare e rendere sempre più conosciuta la grande opera umanitaria svolta dal Corpo Militare della C.R.I. nel corso degli anni di guerra a favore dei combattenti e delle popolazioni coinvolte non solo sino al termine delle ostilità, ma addirittura sino a tutto il 1919 nei territori “liberati”. Vedrà l’intervento di relatori, civili e militari, esperti nelle tematiche trattate, quali la situazione geopolitica allo scoppio della Grande Guerra, l’organizzazione e la mobilitazione della CRI, le attrezzature logistiche esistenti, gli ospedali di guerra, le strutture chirurgiche, il personale impiegato, le Infermiere volontarie, il loro equipaggiamento. Saranno analizzati i comportamenti da stress da combattimento e burn out nella vita di trincea, il contributo degli  studenti e delle donne laureate in medicina al fronte. Verrà presa in esame la struttura sanitaria dell’Italia di allora e mezzi di trasporto sanitario dai treni-ospedale alle ambulanze lagunari; l’evoluzione delle unità sanitarie del Corpo dalla Grande Guerra ad oggi, andando ad osservare Corpi affini quali l’American Red Cross.
Saranno anche affrontate tematiche relative allo stress da combattimento ed al burn out nella vita di trincea e negli assalti alla baionetta, alla figura ed al ruolo svolto dai Cappellani militari, oltre ad interessanti spunti sul ruolo delle donne in guerra. Al termine sarà dato spazio alle prospettive di impiego del Corpo nell’attualità dell’oggi.
Un particolare approfondimento sarà tenuto sui temi del Diritto Internazionale Umanitario, fonte basilare ed imprescindibile d’ispirazione dell’ azione della Croce Rossa.
L’inaugurazione del Convegno, presieduto dall’Ispettore Nazionale del Corpo Magg. Gen. Gabriele Lupini, si svolgerà la mattina del 26 marzo con inizio alle 09,00.
Le domande di partecipazione, impiegando il modulo che si trova in allegato, dovranno pervenire alla Segreteria organizzativa presso l’VIII Centro di Mobilitazione di Firenze all’indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. via fax al n. 055400939. Informazioni ulteriori presso la predetta Segreteria al n. 055400933 (Mar. Toccafondi).

Programma dell'evento Scheda di adesione


24 febbraio - 22 marzo 2015

Il prossimo 24 febbraio 2015 nella sede CRI del Centro Civico Le Rughe di viale America a Formello, inizierà il corso OPEM15A destinato a formare nuovi OPeratori EMergenza in grado di fornire una risposta locale adeguata e ancora più immediata.

Il corso rientra nelle attività istituzionali della Croce Rossa di alto profilo poiché la prevenzione (che evita i rischi) è più efficace in assoluto della protezione (che può solo limitare i danni) e i corsi OPEM forniscono indicazioni essenziali anche sulla prevenzione e la gestione delle piccole grandi emergenze quotidiane.

Il Sindaco di Formello Sergio Celestino, nella Sua qualità di architetto con dottorato in politiche del territorio da sempre promuove le iniziative tese a migliorare la sicurezza del territorio e la tutela dei Cittadini e anche in questa occasione non mancherà di presenziare alla prolusione del corso e alla presentazione del sistema di emergenza locale del quale è la figura istituzionale di riferimento.

Il Comitato Locale Formello della Croce Rossa Italiana ringrazia anche in questa occasione il Sindaco dott. Sergio Celestino che non ha mai fatto mancare la disponibilità sua personale e della sua Amministrazione alle iniziative sociali e utili del nostro Comitato.

Il corso è a numero limitatodi partecipanti e gli interessati possono perfezionare la propria iscrizione attraverso il sistema informatico G.A.I.A.

Direttore del corso: Damiano Brunelli

Presidente della Commissione Esaminatrice: Pietro Marini

Programma e calendario del corso:

 

OPEM15A


 

Sabato 14 febbraio

 

i volontari della Croce Rossa Italiana realizzano la

 

 

RACCOLTA DEI FARMACI

medication bottle


a Formello: Farmacia Fabbri

via Roma, 10

orario: 8.30/13.00 e 16.30/19.30

a Campagnano di Roma: Farmacia Cioccoloni

via Della Vittoria, 7

orario continuato: 8/20

Dal 2000 ogni anno, il secondo sabato di febbraio, in tutta Italia, migliaia di volontari di Enti come la Croce Rossa Italiana consociati con il Banco Farmaceutico sono presenti nelle farmacie aderenti, per invitare i cittadini a donare farmaci per gli Enti assistenziali della propria città nella

Giornata Nazionale di Raccolta del Farmaco.

Ogni Ente viene convenzionato ad una o più farmacie in cui sono raccolti esclusivamente

farmaci senza obbligo di prescrizione.

Grazie alla generosità dei Cittadini Italiani e l'impegno dei volontari in 14 anni la Giornata di Raccolta del Farmaco ha già raccolto oltre 3,4 milioni di farmaci, per un controvalore commerciale di circa 22 milioni di euro.

Interessanti i dati 2014 con:

  • 3.561 farmacie
  • 14.000 volontari
  • 359.889 farmaci raccolti
  • 700.000 persone assistite
  • 1.576 Enti coinvolti

 

ISTRUZIONI PER I VOLONTARI

XV Giornata di Raccolta del Farmaco - 14 Febbraio 2015

LA SETTIMANA PRIMA DELLA RACCOLTA

• Presentarsi al Titolare come Volontario del Banco Farmaceutico. Verificare l'arrivo del materiale.

• Chiedere al titolare di preparare l'elenco dei farmaci da raccogliere in base alle proprie disponibilità e alle richieste dell'Ente a cui la Farmacia è associata.

• Concordare con il Titolare dove mettersi durante la Giornata ed eventualmente chiedere di allestire un piccolo “stand” con esempi di farmaci da raccogliere e relativi prezzi.

• Verificare insieme al farmacista la possibilità di collegarsi al sistema del Banco www.bfonline.it. L’accesso sarà indispensabile a fine giornata per la trasmissione dei dati analitici della raccolta, perciò è bene sapere con largo anticipo se esistono difficoltà. Per l’accesso al sito www.bfonline.it si deve utilizzare la procedura, “username” e “password” che si trovano nella busta del Materiale.

• Ricordare al Farmacista di consevare alcune scatole di cartone per la Raccolta.

DURANTE GLI ORARI DI APERTURA DELLA FARMACIA

• Indossare la pettorina di Banco Farmaceutico.

• Incollare il foglio “Dona qui il tuo Farmaco” sulla scatola.

• Compilare insieme al farmacista la locandina ente (30x42 cm) e appenderla in un punto ben visibile all’interno della farmacia. Servirà per mostrare al pubblico a chi andranno i farmaci.

• Consegnare i volantini del Banco ai clienti che entrano in farmacia e invitarli ad acquistare uno o più farmaci suggeriti dal farmacista.

• Ringraziare i clienti che hanno donato i farmaci, annullare ogni farmaco donato attaccando lo sticker adesivo (gli sticker sono presenti nel kit del materiale per la GRF del farmacista) e deporre i farmaci nell’apposita scatola.

• Prima che il donatore esca dalla farmacia chiedergli se è interessato a ricevere la newsletter di Banco Farmaceutico e informazioni relative agli enti assistenziali. In caso affermativo far compilare la Scheda Dati Donatore con relativa firma per la liberatoria.

• Durante un momento di pausa, verificare insieme al farmacista la possibilità di collegarsi al sistema del Banco www.bfonline.it. L’accesso sarà indispensabile a fine giornata per la trasmissione dei dati analitici della raccolta, perciò è bene sapere con largo anticipo se esistono difficoltà, nel qual caso contattare al più presto il numero riportato sotto.

• Per l’accesso al sito www.bfonline.it si deve utilizzare una procedura ben precisa nonché “username” e “password” personali del farmacista. Procedura+username+password si trovano nel kit consegnato al farmacista nei giorni precedenti alla Giornata di Raccolta.

• Ciascun volontario, prima del termine del proprio turno, dovrà compilare la Scheda Dati Volontario, con i propri dati anagrafici e quanto richiesto nella scheda stessa (se non fatto già durante gli incontri di formazione).

DOPO LA CHIUSURA DELLA FARMACIA

• Assistere il farmacista aiutandosi con le Istruzioni Inserimenti Farmaci, nel fare la trasmissione su www.bfonline.it dei dati analitici dei farmaci raccolti. Ultimata la trasmissione dei dati stampare la lista in duplice copia, che sarà firmata da farmacista e volontario.

• Inserire una copia della Lista firmata nella scatola dei farmaci raccolti insieme al materiale avanzato (etichette e volantini) e alle le Schede Dati Volontario e le Schede Dati Donatore. Chiudere la scatola e applicarvi il foglio con scritto il nome della Farmacia e il nome dell’Ente che riceverà i farmaci.

• La scatola dei Farmaci sarà ritirata dall’Ente destinatario entro 15 giorni. (a partire dalla sera stessa nel caso i volontari siano stati incaricati dal proprio ente a ritirare i farmaci).

• Scrivere il dato dei farmaci raccolti in farmacia sulla locandina ente e informare il farmacista che il numero di farmaci donati a livello nazionale sarà reso disponibile sul sito www.bancofarmaceutico.org

Per dettagli operativi ed eventuali ulteriori chiarimenti:

Elisabetta Colona - 3477019608

Durante la sola Giornata di Raccolta dell’14 Febbraio è attivo il seguente numero al quale

rivolgersi per qualsiasi necessità o informazione 848 - 800 767

Fondazione Banco Farmaceutico onlus viale Piceno, 18 · 20129 Milano MI

tel +39 02 70104315 · fax +39 02 700503735

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


 

3 febbraio 2015

EMERGENZA NEVE

LE 10 COSE DA FARE IN CASO DI NEVE

 

Il Comune e il Comintato CRI di Formello suggeriscono in caso di nevicate e gelate di evitare pericoli utilizzando numeri utili e semplici azioni di buon senso per contenere i disagi e garantire le necessarie condizioni di sicurezza.

1. Limitare per quanto possibile gli spostamenti con veicoli privati: in caso di emergenza, la circolazione privata può essere di intralcio ai mezzi di soccorso. Ricordiamo, comunque, che dal 15 novembre 2014 al 15 aprile 2015 è obbligatorio circolare muniti di catene o gomme termiche.

2. Non ostacolare la circolazione di altri veicoli ed in particolare i mezzi operativi e di soccorso parcheggiando in modo disordinato. Evitare di lasciare la macchina lungo le strade principali, gli incroci, sotto gli alberi.

3. Per i malati bisognosi di cure improcrastinabili e che hanno necessità di accompagnamento in ospedali (dializzati, infartuati, ecc.), contattare il 118 o la Croce Rossa Italiana –Comitato Locale, tel. 06/90146310 – cellulare 331/3687319.

4. Dare una mano: è obbligatorio, oltre che di buon senso, pulire dalla neve i marciapiedi davanti alla propria abitazione, negozio o azienda, e comunque il tratto antistante l’ingresso, il garage e il cancello. Rimuovere i ghiaccioli pendenti e le falde di neve sporgenti dalle strutture delle proprie abitazioni, che distaccandosi potrebbero far male a qualcuno. Sono apprezzati i volontari che possono presentarsi presso la Sala Operativa del Comune, meglio se muniti di pala o attrezzatura idonea.

5. Spargere sale: si ricorda che il sale va sparso DOPO la pulizia dalla neve (1 kg di sale ogni 20 mq circa). Il sale grosso in dotazione al Comune è prioritariamente riservato alle pubbliche vie e all’accesso ai pubblici servizi (scuole, ambulatori, uffici comunali, farmacie ecc.) e quindi non è prevista la distribuzione ai privati.

6. Segnalare guasti utenze: in caso di guasti e interruzione di servizi (acqua, luce, gas), contattare il servizio guasti dei proprio fornitore (vedi punto 10 “numeri utili”).

7. Per evitare la rottura dei contatori dell’acqua, consigliamo di avvolgerli con del materiale isolante.

8. Tenersi informati: seguire le notizie sul sito del Comune www.comune.formello.rm.it per essere aggiornati sull’eventuale interruzione di servizi pubblici (uffici, scuole, farmacie, ambulatori, raccolta rifiuti, mezzi di trasporto, cimitero ecc…).

9. Contattare la Centrale Operativa Comunale ai numeri di telefono 06/90194227-226-246 solo in caso di reali emergenze. Il Centro Operativo coordina i diversi interventi dando precedenza ai casi più urgenti (con priorità ai malati bisognosi di cure salvavita).

10. Annotare e tenere con sè i seguenti numeri utili:
Vigili del fuoco 115
Protezione Civile Formello: 339/4055582
Polizia Locale: 06/9089100
Carabinieri Centro Urbano: 06/9088001 – Le Rughe 06/9087028
Croce Rossa – Comitato Locale: 06/90146310 – cell. 331/3687319
118 (servizio emergenze sanitarie – sede Formello – via del Rosciolo)
Raccolta differenziata: 800 809 100
Protezione Civile Regionale: 803 555
Acea Ato 2 - sistema idrico integrato: centralino guasti 800 130 335
Acea electrabel - utenze elettriche: 800 130 334
Eni – gas: 800 900 700

 


 

26 gennaio 2015

Stabilite le quote associative 2015 per i soci della Croce Rossa Italiana

Logotipo CRI

 

  • €   8             per il socio attivo
  • € 16             per il socio ordinario
  • €   1             per il socio ordinario di età compresa tra i 16 e 25 anni che si impegna a donare sangue
  • € 20             quota integrativa per il socio attivo con qualifica di "Volontario C.R.I. sostenitore".

La quota associativa deve essere versata, al Comitato di appartenenza, entro il 31 marzo 2015 senza alcuna eccezione.

 


 

24 gennaio 2015

Raccolta sangue a Formello

 

Sangue 250115

 

Domenica

25 gennaio 2015

LUDOTECA 

La grande struttura gonfiabile climatizzata del Comitato CRI è stata allestita dai Volontari della Croce Rossa Italiana che hanno allietato i bambini di Formello con laboratori creativi. Un modo simpatico di stare insieme per imparare divertendosi un mondo.

Ludo1

 

Ludo5

 

Ludo 4

 

Ludo6